Contributi per gli asili nido privati e per le scuole dell’infanzia paritarie

 
Chiama o scrivi in redazione


Contributi per gli asili nido privati e per le scuole dell’infanzia paritarie

Contributi per gli asili nido privati e per le scuole dell’infanzia paritarie

L’amministrazione comunale ha deciso di stanziare contributi a favore degli asili nido privati e delle scuole dell’infanzia paritarie. Questi solo alcuni degli atti approvati, altri provvedimenti riguardano la digitalizzazione e sono in corso i lavori per gli spazi scolastici.

“In questi giorni così complessi, anche per le incertezze relative alle entrate comunali extra-tributarie, abbiamo voluto comunque destinare parte delle risorse presenti in cassa al fine di erogare contributi agli asili nido privati e alle scuole dell’infanzia paritarie”.

E’ quanto ha affermato l’assessore comunale alle politiche scolastiche Simone Pettirossi.

“Nel corso dell’anno, nonostante la pandemia, – ha aggiunto l’assessore – proveremo ad individuare ulteriori risorse per garantire che le strutture private che ospitano tanti bambini del territorio comunale possano continuare a vivere e ad offrire i propri servizi nel migliore dei modi. Sul versante pubblico, sono ripresi i lavori per la costruzione del primo Asilo Nido Comunale, nel plesso 0-6 che sorgerà nello spazio della Scuola dell’Infanzia Cimino. In questo periodo sono stati liquidati anche i contributi comunali erogati per la connettività a domicilio, destinati alle scuole, per aiutare i ragazzi con maggiori difficoltà socio-economiche.

In vista della riapertura di settembre, inoltre, tutti i plessi scolastici pubblici sono stati dotati, a spese del Comune, di una connessione veloce”.

“Questi mesi, infine, saranno fondamentali – ha concluso Pettirossi – anche per l’adeguamento degli spazi scolastici, in vista della riapertura di settembre che prevede il distanziamento. Il Comune di Assisi si è accreditato nel sistema nazionale per l’Edilizia Scolastica e ha avviato tavoli di confronto multisettoriali, con i singoli Comprensivi, per co-progettare le azioni urgenti da compiere insieme in vista del prossimo anno scolastico”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*