Universo Assisi, concerto al Mortaro, Paoletti, è un vero e proprio flop

Certe cadute di stile, sessiste e che mostrano l'inadeguatezza del ruolo ricoperto, diffuse a mezzo social si spera di non vederle più

Centro storico di Assisi, Paoletti, Giunta Proietti attiva varchi elettronici, tolleranza zero
leonardo paoletti

Universo Assisi, concerto al Mortaro, Paoletti, è un vero e proprio flop

da Leonardo Paoletti (Forza Italia)
ASSISI – Quando si naviga in acque basse, si cerca di intorbidirle. Sembra veramente patetico il tentativo dell’Amministrazione Comunale, attraverso il comunicato della Sindaca, dove vorrebbe farci credere che una cocente delusione, come quella di rinunciare al concerto di apertura di “Universo Assisi 2017” nel sito del Mortaro, sia in realtà un successo il ripiego alla località gli stazzi. Non abbiamo bisogno certo dei suoi sofismi. Purtroppo si parla invece di un vero e proprio flop che, ahimè, ricadrà sull’immagine promozionale della città di Assisi. Come ho già avuto modo di scrivere, e qui lo ribadisco con decisione, non entro nel merito della scelta del Monte Subasio buca del mortaro, ma della inefficienza e inadeguatezza di chi ci sta amministrando che non ha perso occasione, e questa sembra essere l’occasione per eccellenza, di dimostrare dilettantismo e poca organizzazione.

Non è concepibile, tantomeno giustificabile, avere promosso e commercializzato, attraverso la vendita di biglietti, una manifestazione  per la quale non si disponeva delle necessarie autorizzazioni. Sono certo che tutti gli esponenti della conferenza dei servizi, svoltasi ieri mattina presso la Regione Umbria, a seguito della convocazione del Comune di Assisi, abbiano fatto tutto il possibile per consentire lo svolgimento della manifestazione, ma probabilmente la documentazione prodotta dal Comune di Assisi oltre ai tempi strettissimi, non sono stati sufficienti a garantire il rispetto delle normative vigenti. A loro va il nostro sentito ringraziamento.

La vicenda ha veramente del grottesco e fa preoccupare non poco i cittadini di Assisi, i quali avranno a che fare ancora (speriamo per poco) con questa Amministrazione. Dispiace sinceramente che la città e i cittadini paghino gl’insuccessi degli amministratori dettati da un pressappochismo figlio di una boria mal riposta.

Cittadini, caro amico Fabrizio, altalenante esponente penta stellato, ai quali non può certamente essere data la colpa della fallimentare vicenda solo per aver espresso la propria opinione, i successi si creano attraverso l’umiltà, la condivisione, la programmazione, l’esperienza, tutte doti che sembrano essere sconosciuta a chi ci sta amministrando. Questa triste vicenda dovrebbe far riflettere profondamente, certamente l’assessore Guarducci, al quale mi permetto di richiedere un comportamento maggiormente consono al ruolo che ricopre.

Certe cadute di stile, sessiste e che mostrano l’inadeguatezza del ruolo ricoperto, diffuse a mezzo social si spera di non vederle più, ma soprattutto all’autista del pullman (Sindaca) alla quale sarebbe veramente ora di ritirare le chiavi, vero Consigliere Masciolini? Ponendo fine ad un mandato amministrativo costellato d’ insuccessi e di approssimazione. Si probabilmente resta solamente la via d’uscita delle dimissioni della Sindaca, principale responsabile di tutta la vicenda in quanto vertice indiscusso di questa Amministrazione. Questo ulteriore insuccesso si va a sommare agli innumerevoli flop prodotti da anno a questa parte da quando questa amministrazione ha preso le redini del Comune di Assisi. Probabilmente anche, l’oramai noto, Cimabue non avrebbe sbagliato così tanto.

 

2 Commenti

  1. Condivido quanto scritto dal Sig.Paoletti.
    Aggiungerei due riflessioni.
    La prima è’ poco ortodosso da parte dell’Amministrazione confondere cultura e turismo.
    Possono avere importanti legami,essere catalizzatori l’uno dell’altro ma rispondono a fenomeni sociali, etnografici, economici e storici diversi.
    UniversoAssisi per la cultura degli Assisani?
    Bisogna chiedersi come una novella Odissea o dibattiti tra Architetti possa penetrare la cultura degli Assisani.
    Ad esempio, ieri , tutti gli abitanti di Viole stavano alla festa di Viole.
    Seconda riflessione.
    Queste iniziative, lodevoli, devono avere una preparazione nel tessuto sociale ben più profonda di come sia avvenuta.
    Sembra una carrellata di professori universitari e band alternative ad un meeting.
    Infine, è’ una iniziativa per i turisti?
    Chi è come si spiega loro la ambientazione, il contenuto , il significato di ogni singola iniziativa?
    Mi sembra molto complesso.

  2. Ci vuole molto poco per discreditare e molto di più per fare delle cose. Il Paoletti è stato consigliere nelle passate amministrazioni ed ora, perso il potere, non fa che lamentarsi come quel Freddi di Petrignano che scrive solo perché sa scrivere…
    Ringrazio l’amministrazione per aver organizzato le manifestazioni di Universo Assisi
    Basta con questi piagnistei di persone che si vogliono mettere in mostra. Colpa è di quei giornalisti che gli danno spazio, perché tra la gente non ce l’hanno di sicuro.
    Riguardo ai social, non mi esprimo, tanto fanno il tempo che fanno.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*