Consiglio regionale approva delocalizzazione Ex Fonderie Tacconi

Stefano Pastorelli, si dice soddisfatto dell’approvazione

 
Chiama o scrivi in redazione


Consiglio regionale approva delocalizzazione Ex Fonderie Tacconi

Consiglio regionale approva delocalizzazione Ex Fonderie Tacconi


Il capogruppo Lega in Consiglio Regionale, Stefano Pastorelli, si dice soddisfatto dell’approvazione in Consiglio regionale di una mozione unitaria, con emendamento a sua prima firma, relativa alla delocalizzazione e al piano di riconversione ambientale delle Ex Fonderie Tacconi di Santa Maria degli Angeli di Assisi.
“Nell’emendamento che ho proposto alla mozione – spiega Pastorelli – impegniamo la Giunta Regionale ad avviare un confronto con Fonderie di Assisi Spa, Ministero dello Sviluppo Economico e della Transizione Ecologica, società ed agenzie nazionali e regionali, istituzioni locali, per verificare la fattibilità di un programma di sviluppo industriale che preveda: il trasferimento delle attività in altro idoneo sito umbro, l’utilizzazione delle più moderne tecnologie per la sostenibilità ambientale delle attività produttive realizzate e la salvaguardia e la crescita dei livelli occupazionali.
Per perseguire tali finalità – spiega Pastorelli – proponiamo di utilizzare la strumentazione comunitaria, nazionale e regionale disponibile, ivi compresa quella attivabile nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – PNRR, con l’obiettivo di assicurare il perseguimento del connubio salute-lavoro al più alto livello possibile, nell’interesse di tutte le componenti coinvolte.
Inoltre, insieme alla governatrice Donatella Tesei, al candidato sindaco di Assisi, Marco Cosimetti e all’imprenditore a capo di F.A. Spa, Alvaro Bacchi – conclude Pastorelli – abbiamo consegnato al Ministro allo Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, un dossier relativo alla situazione delle ex Fonderie Tacconi e confidiamo di poter avviare un iter che ci porterà presto ad una soluzione positiva”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*