Nuova zona di caccia? Ma anche no! E scrivono lettera alle autorità

 
Chiama o scrivi in redazione


Nuova zona di caccia? Ma anche no! E scrivono lettera alle autorità

Nuova zona di caccia? Ma anche no! E scrivono lettera alle autorità

«In questo tempo disgraziato di Coronavirus c’è chi, nonostante tutto, pensa ancora di continuare a sconvolgere l’ambiente naturale cercando di aprire una nuova zona di caccia a pagamento, su un area protetta dal maggio del 1982 – oltre 38 anni, che era stata creata in sostituzione ed integrazione della precedente oasi di protezione di San Gregorio in comune di Assisi». Sono le parole di un documento sottoscritto da 233 persone.

Al Presidente della Giunta Regionale Dott.ssa Tesei Donatella Al Presidente della Giunta Provinciale Dott. Bacchetta Luciano Al Sindaco del Comune di Assisi Ing. Proietti Stefania

«L’area interessata – scrivono – è delimitata da un lato dal fiume Chiascio da Pianello fino a Rocca Sant’Angelo di Assisi fino a salire fino al confine con il comune di Valfabbrica su una superficie di circa 550 ettari. La riapertura della caccia altererebbe inevitabilmente il delicato equilibrio faticosamente raggiunto in tutti questi anni da un ricostituito ecosistema, finalità principale dell’istituzione stessa di tale zona, ove sono finalmente presenti anche specie faunistiche non tipicamente venatorie, rare e difficilmente rintracciabili altrove (poiane, falchi, picchi, upupe, scoiattoli, tassi, ghiri, ecc…)»

Questo il testo integrale del Manifesto di Assisi
Buongiorno, in rappresentanza delle seguenti associazioni: Pro  Loco di Rocca Sant’Angelo di Assisi Pro Loco di Pianello di Perugia Pro Loco di Torchiagina di Assisi Pro Loco di Petrignano di Assisi Circolo Borgo San Gregorio di Assisi Comunità Adveniat di Rocca Sant’Angelo di Assisi ed in collaborazione con gli abitanti ed i proprietari dei terreni oggi presenti all’interno dell’aerea protetta ZRC di San Gregorio si fa presente alla Amministrazione Regionale  dell’Umbria, alla Amministrazione Provinciale di Perugia ed alla Amministrazione Comunale di Assisi che tutti i residenti e tutti i proprietari dei terreni (ad esclusione di soli 3 proprietari) sono assolutamente contrari alla dismissione o riduzione della superficie dell’Area Protetta di San Gregorio. A sostegno di tale di richiesta tutte le Associazioni, i proprietari, i conduttori dei terreni, delle attività ricettive ed tanti cittadini sensibili ai problemi ambientali, hanno iniziato e continueranno a partecipare alla raccolta firme ed alla campagna di sensibilizzazione per scongiurare  tale ipotesi. Si allegano n° 15 allegati con circa 233 firme raccolte in questo breve periodo. Fiduciosi per un Vs. positivo e sollecito riscontro,  per i comitati sopra indicati,  distinti saluti Sgaragli Moreno Presidente della Pro Loco di Rocca Sant’Angelo

Un tentativo, sostengono i sottoscrittori del documento, che cozza anche con quanto riportato sul PIANO FAUNISTICO VENATORIO della Regione Umbria 2019-2023 in quanto (vedi Art.5.5 “… emerge che la superficie agro-silvo-pastorale (SASP) protetta si attesta intorno al 18,0%, quindi al di sotto della quota minima del 20% stabilita dalla LR 14/94 ….

«Per raggiungere la soglia di legge – scrivono ancora – sarà necessario sottoporre a qualche forma di protezione ulteriori 12.479,22 ettari” I sottoscritti evidenziano altresì che la zona sia normalmente utilizzata per numerosi e diversi scopi, incompatibili con l’attività venatoria: eremi e ritiri spirituali e di riflessione, campus e percorsi didattici, ricezione turistica con finalità escursionistiche, passeggiate ecologiche a piedi e in bicicletta«.

«Certi che le esigenze di questo vasto pubblico di utilizzatori e della maggioranza dei proprietari, dei conduttori di terreni e delle attività ricettive, su cui insiste parte dell’attuale ZRC (Zona di Ripopolamento e Cattura), inducano le autorità competenti a provvedere al rafforzamento delle cure per il mantenimento della ZRC di San Gregorio in quanto bene prezioso e necessario per la salvaguardia del nostro ecosistema. Si allegano altri 15 documenti con 233 firme»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*