Colussi, Carla Spagnoli, quali strategie a difesa dei lavoratori?

 
Chiama o scrivi in redazione


da Carla Spagnoli Colussi, Carla Spagnoli, quali strategie a difesa dei lavoratori? Ritorniamo a parlare della Colussi. Lo scorso 18 maggio i rappresentanti dell’azienda hanno incontrato le segreterie nazionali e regionali di FAI CISL, FLAI CGIL e UILA UIL e, insieme alle RSU della Colussi, hanno trovato un’ipotesi di accordo integrativo per il 2018-2021 che riguarda i lavoratori degli stabilimenti di Petrignano d’Assisi, Tavarnelle e Fossano. Subito i sindacalisti si sono affrettati ad elogiare il rinnovo dell’accordo e si sono vantati delle loro firme, dimenticando però che l’ultima parola su qualsiasi accordo spetta sempre ai lavoratori attraverso una regolare assemblea, come ha giustamente osservato Massimo Morelli, segretario regionale dell’Ugl agroalimentare. I lavoratori e le maestranze, infatti, sono i principali soggetti interessati da qualsiasi trattativa tra azienda e sindacati, sono i primi a subire le conseguenze, positive o negative, di qualsiasi accordo tra le parti.

© Protetto da Copyright DMCA

LEGGI ANCHE: Colussi, UGL Agroalimentare precisa l’iter dell’integrativo

Carla Spagnoli, Colussi, perché licenziare 125 lavoratori a Petrignano di Assisi?
carla spagnoli

I sindacati parlano di «rinnovo positivo» prima ancora di sentire il parere degli operai, dei quali dovrebbero essere “portavoce”: siamo sicuri, signori sindacalisti, che quest’accordo integrativo va bene ai lavoratori? Francamente nutriamo dei dubbi, dal momento che quest’intesa, sempre secondo l’Ugl agroalimentare, porterà un ulteriore innalzamento del limite massimo di ore utilizzabili per la flessibilità oraria, a discapito dell’orario settimanale, e aggiungerà altre 24 ore di flessibilità rispetto alle 88 ore già previste, ore da recuperare anche nei sabati e nelle domeniche!

Siamo così certi che gli operai saranno disposti a questi ennesimi sacrifici?

Siamo così certi che gli operai saranno disposti a questi ennesimi sacrifici? Ci risulta che nello stabilimento di Petrignano di Assisi ci sia un malessere diffuso e siano sorte forti perplessità in merito ai contenuti dell’accordo integrativo, nonostante i sindacalisti firmatari vogliano convincere i dipendenti del contrario… Ci risulta anche che in seno ai sindacati attivi nell’azienda ci siano divisioni di non poco conto: sembra infatti che in un primo momento si fosse raggiunto un accordo votato a maggioranza dalle sigle sindacali per indire l’assemblea dei lavoratori lunedì e per far votare l’accordo in un’unica giornata, chiudendo le votazioni alle 22,00.

Sembra però che un potente sindacato, in maniera unilaterale, abbia affisso poco dopo nella bacheca sindacale della Colussi un foglio dove indicava nuove modalità di voto che prolungavano a due giorni il tempo delle votazioni sull’accordo, in barba a quanto stabilito precedentemente dalle altre sigle. Perché questa scelta, che rischia di creare divisioni tra lavoratori di cui nessuno sente il bisogno?

Perché i sindacati non marciano compatti a difesa degli operai?

Perché i sindacati non marciano compatti a difesa degli operai? Non dovrebbe essere questa la loro missione principale?Da chi è partito l’input che ha portato al nuovo metodo di voto, rompendo il patto con le altre sigle…? Per quanto riguarda l’Accordo integrativo, abbiamo sollevato i nostri dubbi ma sospendiamo il nostro giudizio, in attesa del voto all’Assemblea dei lavoratori: agli operai, alle maestranze e agli impiegati l’ultima parola, il loro giudizio conta più di tutto, anche più delle “belle parole” di certi sindacalisti…

Carla Spagnoli

Presidente Movimento per Perugia

2 Commenti

  1. Anche in questo caso interverrà qualche politico di casa nostra come già fatto in passato per i licenziamenti a Petrignano di Assisi…intervennero tutti ( a chiacchiere) per farsi un po di propaganda con i risultati che poi abbiamo visto. …decine e decine di licenziamenti che su un territorio come il nostro sono una tragedia per le famiglie che vengono colpite da tali provvedimenti….e nessuno ha cercato di aiutarli per inserirli di nuovo in un circuito lavorativo….però spendiamo centinaia di migliaia di euro per manifestazioni inutili…. viva l’italia!!!!

  2. Ricordo a tutti la ferma presa di posizione dell’ex sindaco Ricci. Niente licenziamenti! Senza se e senza ma …. ma dov’è finito?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*