Elezioni Assisi, la sindaca Proietti vince al primo turno e viene confermata 📸🔴 Foto e video

 
Chiama o scrivi in redazione




Elezioni Assisi, la sindaca Proietti vince al primo turno e viene confermata

Il sindaco uscente di Assisi, Stefania Proietti sostenuta dal centrosinistra ha vinto le elezioni al primo turno ed è stata riconfermata sindaco della città Serafica. Un risultato che in molti alla vigilia non pronosticavano, dando per quasi certo il ballottaggio.

Stefania Proietti si conferma sindaco con il 50,24%. Le sue due liste Assisi domani e Assisi civica ottengono rispettivamente il 19%, e 8%; dietro si piazzano Pd (17%) e M5S (4,65%). Ad Assisi domani vanno 4 seggi così come al Pd, ad Assisi civica uno e al M5S uno. Proietti ottiene 7.402 voti mentre le liste 6.652.

Il centrodestra di Cosimetti si ferma al 42,43%, con il candidato che conquista 6.251 voti e le liste 6.063. In particolare la Lega ottiene il 13% (2 seggi), Assisi insieme il 12,9% (2 seggi), Fratelli d’Italia il 12,4% (1 seggio) mentre a FI il 6,2% non basta per ottenere un seggio.

Quanto agli altri, Fasulo e le sue cinque liste totalizzano il 3,2%, la Sinistra di Ciotti idem e Sannipola di Alternativa riformista lo 0,98%.

“Un segnale assolutamente storico per la città di Assisi – commenta così i numeri Stefania Proietti -. La sensazione che ci può dare è quella che uns indaco i suoi assessori e consiglieri, la squadra che abbiamo formato è stata vicina ai cittadini che lo hanno riconosciuto e premiato questo, non i simboli o le passerelle. I cittadini hanno voluto la continuità. Dico grazie e a questi uomini e donne straordinarie. Il merito di questa vittoria non va a Stefania Proietti, ma ai candidati, alle candidate e alla squadra che ha dimostrato di essere straordinaria, eccezionale e anche a tutti i nostri supporter. E’ un passaggio storico e culturale, epocale per Assisi. Adesso dobbiamo proseguire con i progetti che abbiamo messo in cantiere e portare risorse nazionali, collaborare con le altre istituzioni. Ospedale in primis”.



  • Le parole del segretario regionale del PD, Tommsso Bori

“C’è un dato che più di tutti va affermato con forza, a livello locale come a livello nazionale: il Partito Democratico esce dall’isolamento e dalla logica dei cartelli elettorali. Con impegno e generosità il Pd, che si riafferma come prima forza politica, ha costruito coalizioni plurali e aperte, al servizio delle comunità e che riescono ad affermarsi nelle urne. Assisi é il modello: la vittoria al primo turno contro una destra compatta è storica, la riconferma di Stefania Proietti insieme all’ottima affermazione del Pd, è la dimostrazione che insieme si vince. Così, in una nota, il segretario del Pd Umbria Tommaso Bori, che aggiunge: “A muovere il PD è un solo interesse: assicurare alle nostre città il buon governo, fatto di ascolto, confronto, partecipazione e scelte di prospettiva, utili a rafforzare amministrazioni, servizi al cittadino e tessuto sociale in uno spirito di sviluppo, sostenibilità e solidarietà”.

“Abbiamo fatto scelte coraggiose in tutti i territori – continua Bori – ora al lavoro per l’unità, perché abbiamo la riprova che insieme si torna a vincere. Ringrazio tutte le persone che, con coraggio, ci hanno messo la faccia e l’impegno: tutti i candidati, i volontari, i gruppi dirigenti e i militanti, ma prima di tutto i cittadini che hanno dato fiducia al nostro progetto di ricostruzione del centrosinistra in Umbria e di una nuova stagione di buona politica”.

  • Ad Assisi conferma per la sindaca Proietti, Thomas De Luca (M5S): “Vittoria schiacciante, parte da qui il percorso di partecipazione per costruire il futuro”

La vittoria schiacciante della sindaca di Assisi, Stefania Proietti, confermata già dopo il primo turno conferma in modo incontrovertibile che il centrodestra in Umbria si può battere. La coalizione progressista vince dove si presenta unita, questo è un dato di fatto indiscutibile. Negli altri due comuni sopra i 15.000 abitanti, i candidati sindaci sostenuti dal Movimento 5 Stelle si approssimano al ballottaggio e in entrambi i casi siamo stati decisivi. Partiamo da zero avendo affrontato una strada piena di ostacoli che ci ha fatto soffrire. Si apre una partita decisiva per il nostro futuro, un percorso di partecipazione che porta per la prima volta il M5S in Umbria ad amministrare un comune che è simbolo non solo dell’Umbria ma del mondo intero. La condivisione è la parola d’ordine di questo percorso che stiamo per intraprendere. E’ solo ascoltando le esigenze e interpretando le speranze che la politica può attrarre la linfa necessaria a migliorare la qualità di vita di tutti noi.



1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*