Lampade votive del cimitero di Santa Maria degli Angeli spente

Lampade votive del cimitero di Santa Maria degli Angeli spente
da Claudia Maria Travicelli (Democratici e Popolari per Assisi)
Lampade votive del cimitero di Santa Maria degli Angeli spente Tra le tante accensioni e i tanti luccichini…le lampade votive del cimitero di Santa Maria degli Angeli da circa 20 giorni sono spente. Molti sono i cittadini che in questi giorni ci hanno chiamato e sollecitato per questo problema. Alcuni di essi hanno riferito di non aver ricevuto risposta dal Comune, dopo aver comunicato il disservizio.

Ricordiamo…il comunicato dell’Amministrazione comunale di Assisi datato 30 Ottobre 2017 e le parole degli amministratori…

“Si comunica infine che il servizio lampade votive dei cimiteri di Assisi è tornato alla gestione diretta da parte del Comune di Assisi per garantire un servizio più efficiente. Per informazioni e segnalazioni è possibile telefonare il martedì e il giovedì dalle 9.00 alle 12.00 ai numeri degli uffici Servizi Operativi e Cimiteri 075.8138419; 075.8138445

Efficiente cosa? Forse oggi andare ad accendere luci in ogni dove, tagliare nastri luccicanti, vuol dire garantire un servizio più efficiente? Come disse il grande Totò; ma mi faccia il piacere…!

Questa Amministrazione inizi, se ne ha le capacità e la volontà a lavorare per e nel territorio, non si pensi ad altri lidi, meglio che accantonino le tante mire e si adoperino, per il tempo che durerà ancora questo mandato in cose concrete, senza continuare a sperperare il denaro pubblico. La cittadinanza aspetta e pretende il servizio per cui ha pagato, le lampade votive sono, come è giusto che sia, un servizio a pagamento, dunque devono funzionare tutti i giorni dall’anno.

 

 

1 Commento

  1. Se non erro quando il servizio era gestito privatamente funzionava non voglio esagerare dicendo alla perfezione ma dignitosamente. Poi la scelta di questa lungimirante amministrazione fu quella di riprendere il servizio senza avere l’organizzazione dell’ ufficio competente all’ altezza della situazione avendo cambiato in pochi mesi dipendenti e dirigente. Ma la presunzione di chi gestisce il tutto è tale che anche le cose più ovvie diventano poi difficili da comprendere. E lo stesso concetto vale un po per tutti i settori del comune che a quanto si sente dire dai cittadini sembrano lasciati in balia di se stessi senza una organizzazione che sta alla base del buon funzionamento della macchina amministrativa.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*