Rivotorto, alla parrocchia fedeli potranno farsi il segno della croce con l’acqua benedetta in tutta sicurezza

 
Chiama o scrivi in redazione


Rivotorto alla parrocchia fedeli potranno farsi segno croce acqua benedetta

la nazioneRivotorto, alla parrocchia i fedeli potranno farsi il segno della croce con l’acqua benedetta in tutta sicurezza

L’acqua santa ai tempi del Covid: c’è l’apposito erogatore. L’associazione socio-culturale ’’Costruire il Futuro’’ ha donato alla Parrocchia, alla Chiesa, alla fraternità tutta di Rivotorto d’Assisi un erogatore di acqua che sarà benedetta dai frati dello stesso Santuario. «Da qualche giorno i fedeli che accedono al Santuario del Sacro Tugurio possono di nuovo fare il segno della croce con l’acqua benedetta, prendendola senza contatto nel rispetto delle normative in essere ma anche nel rispetto della tradizione spirituale», sottolineano i responsabili dell’associazione evidenziando come l’acqua, da sempre, è uno degli elementi vitali per eccellenza sia fisici che spirituali. Le misure introdotte per contrastare il Covid-19 hanno portato a tenere vuote le acquasantiere, impedendo uno dei riti tradizionali dei fedeli, il ‘segnarsi’ con l’acqua benedetta che ora il congegno ’no touch’, consente di nuovo. «Si tratta di uno dei pochi dispenser del genere presenti nella zona di Assisi, dove sicuramente ce n’è uno nella Basilica di San Francesco», aggiunge Roberto Sannipola, presidente e tesoriere di «Costruire il futuro». L’idea di dotare il Santuario dell’erogatore di acqua santa è venuta a un nostro socio, Gianluca Meroni – viene ancora evidenziato –, con l’associazione che ha contattato la comunità francescana conventuale di Rivotorto, che ha accolto positivamente l’iniziativa; il dispenser è stato collocato all’interno della chiesa, all’ingresso, con una targa che ricorda la donazione da parte dell’associazione. «Ringraziamo il parroco Charles Baldacchino, il Guardiano Antonio Parisi, la fraternità di Rivotorto tutta, inclusi i miei compagni di corso all’Istituto Teologico – sottolinea il presidente Sannipola –; un grazie particolare a fra Ettore Filippucci e fra Emanuele Antinori, per aver caldamente accolto l’idea, il simbolo, la donazione, a completo servizio della comunità parrocchiale e dei visitatori. Grazie ancora a tutti per aver reso questo semplice gesto un tentativo di sopravanzare in maniera simbolica ma anche concreta le difficoltà del momento. Mai abbattersi, il futuro è davanti, costruiamolo nel migliore dei modi e presto si darà comunicazione di un importante progetto sociale che speriamo possa essere realizzato a breve termine». Il consiglio direttivo dell’associazione è composto oltre che da Sannipola, da Natalia Moghilevskaya, vice presidente e direttrice artistica; Marcello Migliosi, addetto stampa, Danilo Passeri, segretario. (MB)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*