Calcio, l’Assisi-Subasio giocherà la coppa a Rivotorto ed il campionato ad Assisi

Calcio, l'Assisi-Subasio giocherà la coppa a Rivotorto ed il campionato ad Assisi

da Carmine d’Argenio
Calcio, l’Assisi-Subasio giocherà la coppa a Rivotorto ed il campionato ad Assisi
La neo nata società Assisi-Subasio comincia a dare i suoi frutti anche sul campo. Preparazione estiva iniziata alle falde di San Francesco da poco più di una settimana. Al “Felici” di Rivotorto i volti nuovi sembrano essersi integrati da subito con i compagni della prima ora. Non mancano poi i giovani, come da tradizione degli ultimi anni in casa del Presidente Marcantoni.

Noi di Assisi Oggi abbiamo sentito i tre classe 2000 con il loro futuro davanti: Tordoni, Amici ed il portiere Catarinelli. Tra i nuovi arrivi anche lo “straniero” di origine brasiliana nato a San Paolo in forza nella passata stagione al Melfi, Ferreira. Quest’ultimo si dice subito ambientato sia con i compagni che con il mister, duttile anche in più ruoli che può svolgere.

Così come l’attaccante di riferimento Scavone, proveniente dal campionato lucano, che ha già messo a segno in amichevole un goal su rigore ed uno su punizione dal limite, che ci ha fatto rivivere nel suo racconto.

“Qui poi c’è sia San Francesco che Santa Chiara, chissà che un piccolo aiuto dall’alto”. La battuta di un ragazzo con i piedi ben piantati per terra. Poi c’è uno dei primi arrivi di quest’anno da subito diventato capitano, Gnagni che ringrazia per la fascia ma “Capitano è il gruppo” ci dice esaltando da buon leader tutti i compagni.

Uno degli artefici di questo giusto mix di gioventù ed esperienza, il Ds Rino Ceresa, che punta a divertire il pubblico ma senza sovraccaricare di eccessive aspettative in un campionato difficile come quello di Eccellenza.

Infine siamo giunti all’allenatore fortemente voluto dalla Società, Andrea Lisarelli: “Sono rimasto favorevolmente colpito perché nella prima settimana l’attenzione è stata altissima. Ogni singolo giocatore vuol dare il meglio. Non resta che azzerare il campionato scorso con quanto di buono fatto per cercare di rifare bene”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*