Il Calendimaggio di Assisi adotta il criterio della prudenza

 
Chiama o scrivi in redazione


Il Calendimaggio di Assisi adotta il criterio della prudenza

Il Calendimaggio di Assisi adotta il criterio della prudenza

Il giorno 27 agosto si è riunito il Direttivo dell’Ente Calendimaggio in seduta congiunta con la Commissione della festa. Dopo una ricognizione analitica delle iniziative realizzate e un attento esame della fattibilità delle ulteriori iniziative già predisposte per l’estate e l’autunno 2020, Ente Calendimaggio, in pieno accordo con le Parti e con l’Amministrazione comunale, ha scelto di antepone l’interesse comune della città all’orgoglio di una presenza che, nelle attuali condizioni sanitarie, potrebbe costituire occasione di contagio.

Per Spetto del lavoro svolto dai Partaioli, dalle Parti e dall’Ente, il Direttivo e la Commissione della Festa vogliono rendere noto integralmente il dispositivo analitico e articolato della riunione del 27 agosto: «Il Consiglio prende atto che il programma di manifestazioni a cura delle Parti e dell’Ente Calendimaggio, con il titolo “Non solo Medioevo” è articolato in sei manifestazioni-spettacolo nell’arco dei mesi da luglio a settembre 2020, cui si aggiunge un seminario di studio previsto per il 23 ottobre, in cui alcuni dei ‘giurati’ delle recenti edizioni del Calendimaggio rifletteranno insieme ai rappresentanti delle Parti sull’organizzazione, sull’efficacia rievocativa, sul rigore storico e sul valore spettacolare del Calendimaggio di Assisi.

Il consiglio ringrazia l’Amministrazione comunale per la concessione del patrocinio e per la collaborazione relativamente agli spettacoli già realizzati nei giorni 25 e 26 luglio, e a quelli programmati in due ulteriori cicli, rispettivamente per i giorni 22 e 23 agosto e per i giorni 5 e 13 settembre. Riguardo alle manifestazioni effettivamente svolte, rispettivamente il giorno 25 luglio a cura della Parte de Sopra nel Parco Regina Margherita (Ai vist lo lop, lo rainard, la lèbre”).

Spettacolo teatrale, favola urbana che prende ispirazione dall’omonima chanson provenzale del XIII secolo) e il giorno 26 luglio, a cura della Parte de Sotto nel quartiere di S. Giacomo (“Il costume racconta”, Viaggio attraverso scene di Calendimaggio), il Consiglio direttivo si congratula con le Parti per la qualità degli allestimenti, per il successo e al contempo per il rigoroso rispetto delle nonne sanitarie vigenti.

Il Consiglio prende quindi atto che sono state rinviate con procedura d’urgenza, su proposta delle Parti e con il concerto dell’Amministrazione comunale, le manifestazioni del secondo ciclo predisposte per sabato 22 agosto (Magnifica Parte de Sotto “Il costume racconta” . Viaggio attraverso i cortei di Calendimaggio) e domenica 23 agosto (Nobilissima Parte de Sopra, “nei nostri vicoli…vola la Fantasia” Musica, giochi, storie e magia in un viaggio tra antiche pietre, dedicato a bimbi e famiglie, ricordi e sorrisi pronti a volare ancora una volta).

Il Consiglio approva l’adozione di tale procedura, opportuna e necessaria a fronte dì un improvviso peggioramento della situazione sanitaria, che ha reso non sicuri la preparazione e lo svolgimento degli spettacoli, nonostante il grande sforzo profuso dalle Parti per garantire il rispetto delle norme anticovid. Per quanto riguarda le manifestazioni del III ciclo, il Consiglio prende in primo luogo in esame le valutazioni della Commissione della Festa riunitasi in data 25 agosto, in relazione ai due progetti delle Parti, rispettivamente peri giorni 5 e 13 settembre.

In particolare, la Parte de Sopra ha curato, per sabato 5 settembre l’allestimento di un “Percorso tra musica, cibo e danza nei vicoli di Parte de Sopra: Nobilissimo Tourdion”, mentre la Parte de Sotto ha preparato la presentazione di “Suggestioni letterarie e musicali di un mediane aspirano Annido Fortini padre del Calendimaggio”.

Il Consiglio rileva con compiacimento che gli allestimenti sono stati predisposti nel rispetto di tutte le norme sanitarie in vigore, sia per quanto riguarda i protagonisti sia per quanto riguarda il pubblico. Esprime quindi il proprio plauso per la capacità organizzativa delle Parti. Dopo attenta analisi, visto il perdurare di una situazione precaria sotto il profilo sanitario, il Consiglio direttivo dell’Ente decide all’unanimità di accogliere le indicazioni della Commissione della Festa e di rinviare sine die anche la realizzazione delle manifestazioni-spettacoli previste per i giorni 5 e 13 settembre, per una solidale presa di responsabilità verso la città, pur nella consapevolezza della rinuncia delle Parti ad una legittima soddisfazione per il lavoro svolto.»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*