Pagamenti rapidi ai fornitori, premiato ad Assisi l’ospedale di Perugia

Pagamenti rapidi ai fornitori, premiato ad Assisi l'ospedale di Perugia
Pagamenti rapidi ai fornitori, premiato ad Assisi l'ospedale di Perugia
Pagamenti rapidi ai fornitori, premiato ad Assisi l’ospedale di Perugia.
Gli apprezzamenti del presidente dei manager italiani “piacevolmente stupiti”

I manager italiani che fanno capo all’associazione ADACI ,che riunisce oltre undicimila mila iscritti tra aziende pubbliche e private, durante un convegno in corso ad Assisi, hanno premiato l’Azienda Ospedaliera di Perugia per la celerità nei pagamenti ai fornitori, che nel 2014 è stata di 33 giorni dalla data del ricevimento della fattura, e di 23 giorni nel secondo trimestre del 2015.

Il riconoscimento è stato consegnato nel pomeriggio di venerdì 23 ottobre, al direttore sanitario del ospedale di Perugia Manuela Pioppo,dal presidente nazionale di ADACI, Renzo Zarantonello.

“Siamo stupiti di questa performance realizzata dall’ospedale di Perugia, che in un periodo di crisi ha offerto alle aziende fornitrici un importante sostegno finanziario,indispensabile per salvaguardare posti di lavoro.

È stato dimostrato che anche nell’amministrazione pubblica, se vi sono competenze e professionalità , si possono abbattere le barriere burocratiche”. Proprio sui percorsi realizzati dall’ospedale di Perugia per attuare pagamenti veloci si è incentrato l’intervento del direttore del settore economico finanziario del nosocomio perugino , Roberto Ambrogi.

“La svolta è iniziata nel 2008 con l’ unificazione dei due plessi ospedalieri, e con la attenzione che la direzione aziendale ha posto al problema dei pagamenti ai fornitori . Oltre a realizzare il pareggio di bilancio, dopo anni difficili, ma sono state attuate procedure per la sburocratizzazione dei pagamenti, che hanno permesso, grazie anche ad azioni motivazionali nei confronti del personale, di inserire l’Azienda Ospedaliera di Perugia ai primi posti a livello nazionale”.

Pagamenti rapidi

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*