In due a rubare in profumeria, una è anche incinta, ma gli è andata buca

Stavano per scappare ma i poliziotti erano ad aspettarle

In due a rubare i profumeria, un è anche incinta, ma gli è andata buca
Il commissario Francesca Domenica Di Luca

In due a rubare in profumeria, una è anche incinta, ma gli è andata buca

Due donne, di cui una in stato di gravidanza, erano entrate in una profumeria a Santa Maria degli Angeli senza destare alcun sospetto. Ma il loro vagare tra gli scaffali ha presto rivelato il loro reale intento.  Controllate a distanza, una commessa ha visto una delle due riempire alla rinfusa, un un borsone con confezioni di creme afferrate in grande quantità dallo scaffale.

Nella foto il commissario Francesca Domenica Di Luca

Mentre l’una era intenta a riempire un sacchetto, l’altra si dedicava ad un altro reparto, attuando la medesima tecnica, prelevando a mani piene i prodotti.

La commessa, resasi conto della situazione, ha quindi contattato il Numero Unico di Emergenza, tentando di non farsi notare dalle due cittadine straniere che, nel frattempo, continuavano imperterrite nella loro attività.

La donna incinta ha capito che erano state scoperte

Mentre la commessa era ancora al telefono con gli operatori, la donna in stato di gravidanza si è avvicinata forse per cogliere il contenuto della conversazione, comprendendo che erano state scoperte. A quel punto, dopo aver finto di chiedere informazioni su un prodotto, è tornata velocemente verso gli scaffali e ha iniziato a riporre la merce alla rinfusa. Lo stesso ha fatto la complice che ha rovesciato in un cesto i prodotti che aveva precedentemente sottratto.

Stavano per scappare ma i poliziotti erano ad aspettarle

Si sono poi avviate frettolosamente verso l’uscita ma ad attenderle c’erano gli agenti del Commissariato di Assisi, diretto da Francesca Domenica Di Luca – che le hanno fermate e sottoposte a controllo. Identificate come cittadine straniere, di nazionalità rumena – classe 2001 e 1997, a loro carico sono emersi pregiudizi per reati contro il patrimonio commessi in attività commerciali.

Dato lo stato di gravidanza di una delle due, gli agenti hanno allertato il personale medico ma la donna ha negato di aver bisogno di assistenza medica.

Accompagnate in Commissariato, esperiti tutti gli accertamenti, sono state entrambe deferite all’Autorità Giudiziaria per concorso in tentato furto aggravato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*