Che fine ha fatto la delocalizzazione delle Fonderie di Assisi?

 
Chiama o scrivi in redazione


Che fine ha fatto la delocalizzazione delle Fonderie Assisi?

Il “Comitato Via Protomartiri Francescani di Santa Maria degli Angeli”, letta l’ordinanza cautelare del Tar Umbria, emessa il 24 novembre 2021 nel giudizio di impugnazione dell’ordinanza contingibile e urgente del Sindaco di Assisi, che è stata (prevedibilmente) sospesa, chiede a gran voce che cosa oggi Regione e Comune stiano facendo per attuare la delocalizzazione dello stabilimento delle Fonderie F.A. Assisi, tanto sbandierata in campagna elettorale.


dall’Avvocato Valeria Passeri per conto del
Comitato Via Protomartiri Francescani di Santa Maria degli Angeli di Assisi


Una risposta la pretendiamo e con sollecitudine, perché  sopportare giorno e notte folate di puzza e vedere depositata sui nostri terrazzi e cortili polvere scura, provenienti dall’impianto delle fonderie, ci sta portando al tracollo psichico, anche questo è un grave danno sanitario. Peccato che nell’ordinanza del TAR leggiamo che l’ASL, dopo non aver motivato con dovizia tecnica e scientifica l’ordinanza contingibile e urgente firmata dal Sindaco Proietti Stefania,  ha pure depositato in ritardo le memorie difensive e i documenti. Cosa dobbiamo pensare innanzi a tanta leggerezza difensiva della pubblica salute e abbandono della promessa delocalizzazione? La risposta è retorica.

File originale qui 



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*