Rivotorto, al via i lavori per la pubblica illuminazione in via Cantico delle Creature

Rivotorto, al via i lavori per la pubblica illuminazione in via Cantico delle Creature

Da Carlo Migliosi
Rivotorto, al via i lavori per la pubblica illuminazione in via Cantico delle Creature
ASSISI – Nei primi giorni della prossima settimana inizieranno a Rivotorto, i lavori per il posizionamento dei lampioni della pubblica illuminazione in via Cantico delle Creature. L’intervento è in due tratti. Nel primo tratto è prevista la posa di un lampione a doppia luce in prossimità dell’incrocio tra via Cantico delle Creature e via Frate Sole, così da migliorare la visibilità e la sicurezza notturna dell’incrocio.

Nel secondo tratto è prevista la posa di altri otto punti luce lungo via Cantico delle Creature, da dove inizia la parte in salita, andando in direzione del santuario di San Damiano. Il posizionamento dei punti luce riguarderà l’area dove sono presenti le abitazioni rendendo sicuro il transito veicolare e il percorso notturno dei pellegrini che salgono a piedi verso il santuario.

L’intervento, che era atteso da oltre 15 anni, è stato richiesto con forza nelle pubbliche assemblee dove l’amministrazione incontra e ascolta i cittadini ed ha trovato l’accoglienza dell’amministrazione Proietti che ha reperito e stanziato i fondi necessari alla realizzazione.

LEGGI ANCHE: Scuola dell’Infanzia Fratello Sole di Rivotorto di Assisi, l’ex assessore ringrazia

Questo, come altri interventi in fase di progettazione e realizzazione a Rivotorto ( posa di acqua e metano in via Salette, pista ciclabile-con predisposizione dell’acquedotto -, rotonda nell’incrocio della farmacia, catramatura di alcuni tratti di strade più ammalorate, parcheggio presso la scuola dell’infanzia ) sono esempi calzanti di proposte espresse dalle associazioni e dai cittadini negli incontri pubblici e della volontà dell’amministrazione, ove possibile, di fare sue le esigenze palesate.

Questa modalità di ascolto delle esigenze, prima della stesura del bilancio, detta “bilancio partecipato” è stata definita nella seduta del Consiglio Comunale del 26 aprile, dove è stato approvato il Regolamento di organizzazione del “bilancio partecipato” del Comune di Assisi.

Questo è: “Un prezioso strumento attraverso il quale questo Comune promuove e favorisce la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica locale perseguendo l’obiettivo di attivare una stretta collaborazione tra la comunità e le Istituzioni comunali, garantire la trasparenza nell’attività del Comune e consentire ai cittadini di potere esprimere direttamente esigenze e proposte. Uno strumento di democrazia diretta, attraverso la quale i cittadini potranno contribuire alle decisioni che riguardano l’utilizzo e la destinazione delle risorse economiche dell’Ente portando i cittadini ad esprimere i propri bisogni e a comprendere le esigenze dell’intera collettività”.

Le frazioni al centro non è quindi solo uno slogan elettorale, ma sta’ lentamente prendendo corpo, azione dopo azione, in tutti gli interventi fatti, in fase di realizzazione o in fase di progettazione in TUTTE le frazioni del territorio comunale.

 

3 Commenti

  1. Circa 1 anno fa i residenti di via assisana,Rivotorto di Assisi,hanno raccolto le firme per richiedere la pubblica illuminazione nell’unico tratto di strada non ancora illuminato che va dall’incrocio di via San Savino all’abitato di Viole dove ci sono 6 famiglie che la sera,soprattutto l’inverno,sono sempre al buio con problemi di sicurezza non solo stradale ma anche personale con tentativi di furto. Una strada molto transitata anche dai turisti,senza segnaletica,senza luci,senza marciapiedi,senza servizio di fognatura,buche in mezzo alla strada.Non avendo avuto risposta abbiamo fatto anche un articolo sul giornale con tanto di foto. Abbiamo anche proposto di partecipare alle spese ma nessuna risposta. A partire dal sindaco,agli uffici preposti,ai politici locali nessuno ci ha risposto ufficialmente. Quindi la partecipazione popolare c’è stata come può accertarsi e richieste ufficiali pure ma i risultati non sono uguali per tutti.Forse saremo cittadini di serie “B”? Vi lascio alle vostre considerazioni….

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*