Quasi 29 mila vaccini al Pala Eventi in tre mesi, i tamponi sono stati 14 mila

 
Chiama o scrivi in redazione


Quasi 29 mila vaccini al Pala Eventi in tre mesi, i tamponi sono stati 14 mila

Quasi 29 mila vaccini al Pala Eventi in tre mesi, i tamponi sono stati 14 mila

Da oggi sono in vigore le nuove regole anti Covid dopo la fine dell’emergenza, in vista di un graduale ritorno alla normalità. Il punto vaccinale allestito dal 27 dicembre scorso al Pala Eventi torna al Palazzo della Salute (ingresso 4) in Piazza del Tabacchificio, a Bastia Umbra dove le vaccinazioni per gli adulti saranno somministrate dal lunedì al venerdì dalle 14.30 alle 19, per i bambini il sabato dalle 14.30 alle 18.

I vaccini somministrati dal 27 dicembre al 31 marzo sono stati quasi 29 mila; nello stesso periodo oltre 14 mila le persone sottoposte a tampone molecolare.

Mentre il punto vaccinale torna al Palazzo della Salute, resta invece attivo a Santa Maria degli Angeli il drive-throuh (ingresso Pala Eventi) dove vengono effettuati i tamponi dalle 8 alle 11; questa posizione è tuttora indubbiamente più funzionale e più comodo per i cittadini di Assisi e del comprensorio che devono sottoporsi al tampone molecolare e lo si è rivelata tale proprio nella quarta ondata della pandemia che ha provocando un aumento vertiginoso di contagi in tutto il Paese.

Fin dal primo momento l’amministrazione comunale ha messo a disposizione della Regione, nell’osservanza della collaborazione istituzionale, il Pala Eventi in quanto struttura che grazie alla conformazione e all’ampio parcheggio ha permesso di gestire al meglio le file degli utenti soprattutto nel pieno della somministrazione dei vaccini.

Per questo motivo il sindaco Stefania Proietti e l’assessore ai servizi socio sanitari Massimo Paggi ringraziano tutti coloro, dalla polizia locale al gruppo comunale di protezione civile, dai servizi operativi del Comune agli uffici che gestiscono il Pala Eventi e il Lyrick, che si sono adoperati affinché tutto procedesse nel migliore dei modi senza creare disagi alla cittadinanza. E così è stato tanto è vero che la stessa Usl1 ha espresso parole di ringraziamento all’amministrazione comunale per la sinergia e la collaborazione profuse nell’attivare il servizio.

Intanto da oggi, come detto, entrano in vigore le nuove regole. Da oggi non serve più avere il Super Green Pass per sedersi ai tavoli esterni di bar e ristoranti e per utilizzare i mezzi pubblici locali o regionali. Su aerei, treni e navi basta il Green Pass base, così come per accedere ai ristoranti al chiuso. Per entrare negli uffici pubblici, così come nei negozi, non è più richiesta l’esibizione del pass.

Bisogna invece continuare, fino al 30 aprile, a presentare il Super Green Pass in cinema, teatri e concerti, dove è anche obbligatorio indossare la mascherina Ffp2. Lo stesso obbligo di certificazione verde rafforzata vale per piscine e palestre. Allo stadio serve un Green Pass base per gli eventi all’aperto e la versione rafforzata per quelli al chiuso

Da oggi è possibile per tutti, compresi gli over 50, accedere ai luoghi di lavoro con il Green pass base (vaccinazione, guarigione, test). Dall’1 maggio l’obbligo di Green pass verrà eliminato. Sempre da oggi nei luoghi di lavoro sarà sufficiente indossare mascherine chirurgiche.

Da oggi dovrà rispettare l’isolamento solo chi ha contratto il virus. Chi ha avuto un contatto stretto con un caso positivo dovrà applicare il regime dell’autosorveglianza: mascherina Ffp2 per 10 giorni dall’ultimo contatto, test alla prima comparsa dei sintomi e, se ancora sintomatici, al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto.

Per quanto riguarda la raccolta differenziata dei rifiuti in relazione al Covid, questi i cambiamenti.  Per la raccolta dei rifiuti urbani provenienti da abitazioni nelle quali sono presenti soggetti positivi al COVID-19, mantenimento della raccolta differenziata, ove in essere, confezionando tutte le tipologie di rifiuti in modo da non danneggiare e/o contaminare esternamente i sacchi. Per tutte le frazioni dovranno essere utilizzati almeno due sacchetti uno dentro l’altro (della stessa tipologia prevista per la frazione raccolta) o in numero maggiore in dipendenza della loro resistenza meccanica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*