A cena con i rioni, un percorso enogastronomico coinvolgendo i ristoranti

 
Chiama o scrivi in redazione


A cena con i rioni, un percorso enogastronomico coinvolgendo i ristoranti

A cena con i rioni, un percorso enogastronomico coinvolgendo i ristoranti

“A cena con i rioni”: l’idea è quella di creare un percorso enogastronomico coinvolgendo, in diversi periodi dell’estate, le attività angelane che operano nel settore della ristorazione che si renderanno disponibili a mettere i tavoli fuori, lungo la propria via ed accogliere gli ospiti che vorranno degustare le loro specialità.

Un’iniziativa legata al Palio del Cupolone J’Angeli 800 e fortemente voluta dai tre rioni che animano la popolare festa: il Rione del Campo, il Rione Fornaci e il Rione Ponte Rosso che, assieme all’Ente Palio, vogliono mantenere vivo lo spirito di aggregazione che caratterizza la festa, volendo anche significare il proprio sostegno e vicinanza alle nostre attività al fine di favorire un rinnovato ottimismo.

Abbiamo condiviso tale progetto con il Sindaco di Assisi Stefania Proietti, il Vice Sindaco Walter Stoppini e la Confcommercio di Assisi e Valfabbrica, per tramite del Presidente Vincenzo Di Santi, trovando la massima disponibilità all’iniziativa rendendosi, peraltro, parti sostenitrici.

Si inizia DOMENICA 5 LUGLIO lungo Via Patrono d’Italia, la prima di una serie di vie che ci vedranno insieme, con l’adesione delle attività ristorative presenti lungo la via stessa.

Un percorso enogastronomico variegato che va dallo stinco, alla buona pasta fatta in casa con carne alla brace, al pesce, alla pizza ed altro, in grado di soddisfare tutti i palati. La serata vedrà, inoltre, aperte le attività commerciali presenti lungo la via. Inoltre i tre rioni esporranno lungo la via abiti storici e oggettistica di scena realizzati dalle proprie sartorie ed officine e le fiaccole favoriranno un atmosfera gioiosa. /da Moreno Massucci (Presidente Ente Palio J’Angeli 800)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*