Universo Assisi inaugurata edizione 2018 alla ex Montedison installazione Trevisani [Foto]

Universo Assisi inaugurata edizione 2018 alla ex Montedison installazione Trevisani

Universo Assisi inaugurata edizione 2018 alla ex Montedison installazione Trevisani [Foto] Una grotta dentro un paraboloide, per una esperienza multisensoriale unica, frutto di una ricerca che si articola tra scultura e film, materia e scrittura, il cinema di ricerca e l’architettura. Apre con una installazione visiva, di grande impatto emotivo, l’edizione 2018 di “Universo Assisi – A festival in secret places”, la rassegna dedicata alle arti contemporanee che dal 21 al 29 luglio terrà in fermento Assisi. Un’opera di Luca Trevisani dal titolo emblematico (38° 11′ 13.32″ N 13° 21′ 4.44″ E / 43° 03′ 23.9″ N 12° 35′ 19.2″ E), inspirata da un parallelo tra gli spazi geometrici dell’architettura dell’Ex Montedison di Assisi e le incisioni rupestri del complesso delle grotte dell’Addaura, a Palermo, in Sicilia.


Questo slideshow richiede JavaScript.


Ha simbolicamente inaugurato l’edizione numero due del festival curato da Joseph Grima, presente al vernissage tenuto negli spazi dell’ex Montedison, da oggi riaperto al pubblico, insieme al sindaco di Assisi, Stefania Proietti, l’artista Trevisani, Giulio Franceschini, presidente di Fia, la Fondazione internazionale Assisi, sostenitore dell’evento organizzato da Città di Assisi e il cui design della comunicazione e social media management è stato affidato a CoMoDo-Comunicare moltiplica doveri.

“Lo spazio dell’ex Montedison – spiega l’artista Luca Trevisani – ha un potenziale culturale e sociale assolutamente di primo livello. È stata una sfida per me confrontarmi con un luogo di tale potere e carisma ed era importante costruire non solo un film, ma un ambiente dove chi entra può stare e trovare un sistema simbolico che lo mette in comunicazione con queste grotte che custodiscono un tesoro di 14 mila anni fa. E quindi chiedersi cos’è il passato, qual è il tipo di antichità da cui imparare a scoprire chi siamo e dove vogliamo andare.

È molto importante per me che questa installazione duri pochi giorni, perché è di grandissima intensità, in questo spazio speciale ed è proprio un invito a venire a vedere una conformazione che è unica, solo qui si può vedere”.

L’opera, realizzata con il supporto di Scorzoni e Saco Arreda, ha dato il la ad una grande giornata inaugurale, che è proseguita tra visite guidate nei luoghi segreti della città (le Confraternite, il Foro Romano e le Domus Romane), i laboratori per bambini al “Pincio”, il Parco regina Margherita, la mostra di Antonio Ottomanelli e “La partizione del sensibile”, allestita al Palazzo Monte Frumentario in collaborazione con la prestigiosa Galleria Montrasio di Milano e il sostegno di Caporali Contract srl. Un lavoro in dialogo con le fotografie che documentano le più importanti opere italiane di Gordon Matta Clark, raccolte in una collezione privata, e l’Atlante week end di Luigi Ghirri, affiancate dai progetti più recenti di Ottomanelli. E poi l’incontro con la giornalista romana specializzata in cinema Letizia Muratori, in piazza Chiesa nuova e il concerto di Fuccelli Fisarmony, un’orchestra unica famosa per la ricerca timbrica e la sperimentazione attorno a 12 fisarmoniche. Gran finale serale con il dopofestival alla Galleria Le logge, in piazza del Comune, con la sezione “Faust night shop”, dove artisti e pubblico si sono incontrati per un momento conviviale accompagnato da degustazione di prodotti tipici dell’Umbria. Uno spazio aperto all’interazione e gli incontri con gli artisti, a cura di Boero Vernici e Pedrali.

Il programma di domani, domenica 22 luglio. La giornata si apre al Pincio dalle 10.30 alle 12.30 con l’incontro ad ingresso libero per bambini “Crea la tua città ideale, un robot pittore!” Strabilianti disegni da utilizzare come decorazioni; nel pomeriggio, dalle 17 alle 19 sempre ad ingresso libero, “Disegna in 3D”. Le creazioni prendono vita grazie alla stampa tridimensionale.

Sul fronte visite guidate, dalle 11 alle 12.30 “Assisi Secret Places: Sant’Angelo in Panzo”; il ritrovo è in loco, ingresso libero su prenotazione.

Nel pomeriggio, dalle 17 alle 18 sempre ad ingresso libero su prenotazione, “Assisi Secret Places” farà scoprire Assisi Città Romana, con ritrovo allo IAT Ufficio Turismo in Piazza del Comune.

Per quanto riguarda gli incontri, alle 13 a Palazzo Minciotti va in scena la prima replica di “Cibo angelico” di e con Mariella Fabbris. Il teatro di parola e la passione per il cibo tradizionale si fondono in una nuova narrazione del racconto “I volatili del Beato Angelico” di Antonio Tabucchi. Gli gnocchi preparati in scena secondo le ricette di una volta, vengono condivisi con il pubblico (il biglietto costa 20 euro e lo spettacolo serale delle 19 è già sold-out).
Alle ore 19.30 (ingresso libero), Assisi Incontra Pietro Del Soldà in Piazza Chiesa Nuova. Con il conduttore radiofonico di RaiRadio3 si parlerà di Socrate e la contemporaneità, lungo un viaggio sulle tracce di uno dei più illuminati pensatori dell’antichità.

Alle 20 al Tempio di Minerva inizia la serata musicale (ad ingresso libero) di Universo Assisi con Kordz, che eseguirà un Live-set di pezzi originali composti dall’autore mescolando sapientemente la musica elettronica alla classica. Alle 21.30 è il momento invece di Classica Orchestra Afrobeat con “Shrine on you, Fela Goes Classical”: in Piazza del Comune un omaggio a Fela Kuti, il grande genio musicale e ribelle politico africano della storia recente.
Dalle 22.30 Faust Night Shop – Dopofestival: all’infoPoint Galleria Le Logge incontri aperti a tutti con degustazione di prodotti tipici dell’Umbria offerte da Boero Vernici e Pedrali.

Tutto il programma su www.universoassisi.it

 

2 Commenti

  1. I soliti 4 gatti…se la cantano e se la suonano…con la sig.ra sempre in evidenza ed in prima fila…ci crede e lasciamo che ci creda…il tonfo sarà più grande

  2. E no caro gatto. Se la canta e suona con i nostri soldi e tanti quindi devono dare risultati dal punto di vista turistico e quindi occupazionale.Altrimenti il giochino lo fa a casa sua con i suoi soldi. Chiaro ne’?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*