La Befana della Biodiversità, Carabinieri Forestali visiteranno l’istituto Serafico

Una esperienza per i piccoli degenti utile a far conoscere il ruolo dell’Arma

Nuovo Centro di Ricerca “InVita” inuaugurato al Serafico

La Befana della Biodiversità, Carabinieri Forestali visiteranno l’istituto Serafico

ASSISI – I carabinieri del Comando Unità Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare (CUTFAA) e del Raggruppamento Biodiversità hanno organizzato “La Befana della Biodiversità”, una giornata speciale di educazione ambientale e solidarietà che avrà luogo presso i reparti pediatrici delle province e capoluoghi italiani. Ad Assisi, i Carabinieri visiteranno l’Istituto Serafico per sordomuti e ciechi nella giornata di giovedì 11 gennaio. L’iniziativa tende ad avvicinare alla biodiversità i bambini assistiti ed il personale delle strutture.

L’educazione ambientale è una mission propria dei Carabinieri Forestali, è un’attività diretta a prevenire condotte che mettano in pericolo l’ambiente e la salute. Le attività proposte ai bambini sono caratterizzate da grande impatto emozionale e tendono a generare una particolare empatia con la natura. Vengono svolte con successo da anni con migliaia di studenti in tutta Italia. Da oggi sarà possibile “vivere la natura” anche per quei bambini  che vivono  parte della loro vita in strutture ospedaliere e assistite.

Durante le visite saranno donati piccoli oggetti in legno realizzati dalle brave maestranze dei Reparti Carabinieri Biodiversità. Dal Centro Recupero Animali Selvatici (CRAS)  di Formichella-Orvieto, che dipende dal Reparto Carabinieri Biodiversità di Assisi, i Carabinieri Forestali porteranno alcuni esemplari di fauna selvatica (rapaci e piccoli mammiferi), curati  dagli operatori del Centro,   ormai prossimi alla reimmissione in ambiente naturale,

Una esperienza per i piccoli degenti utile a far conoscere il ruolo dell’Arma a tutela della natura e a sostegno delle fasce più deboli. Natura e solidarietà, Carabinieri e bambini insieme, per la sopravvivenza del pianeta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*