World Water Forum 2024. Acqua in bocca! Scrive Maurizio Terzetti

 
Chiama o scrivi in redazione


World Water Forum 2024. Acqua in bocca! Scrive Maurizio Terzetti

World Water Forum 2024. Acqua in bocca! Scrive Maurizio Terzetti

di Maurizio Terzetti

Alcune dissociazioni
Continuo a non capire come si possa candidare una città ad un ruolo di magistero mondiale in tema di risorse idriche e, nello stesso momento, farsi trovare candidamente privi di una coerente attenzione verso la cultura dell’acqua all’interno del proprio scenario urbano. Assisi, invece, ci ha abituato da tempo a questo tipo di dissociazione.
Ad Assisi si può venire a parlare di qualunque tema mondialmente rilevante senza curarsi minimamente di ciò che quel tema può significare per la cultura, la comunicazione, la vita materiale e la spiritualità della città.

Vetrina e retrobottega
Dai concerti di “Con il cuore” ai “Cortili” di san Francesco, dalle Lectio magstralis in Basilica alle Marce per la pace  ai Forum  sull’acqua, appunto, si trattano questioni dell’universo, si offre la vetrina, ma nel retrobottega della città si continua a fare finta che niente e nessuno turbi la comunità locale con i dolori, le penurie, le povertà e le privazioni di ogni genere, anche dell’acqua, che ci sono in città.

Foglie di fico
Stiamo, dunque, all’acqua. Tolta e rimessa la foglia di fico di “sorella acqua” dopo l’uscita giornalistica del Sacro convento, immagino che Assisi continui a lavorare per portare fino in fondo la candidatura per il 2024 insieme con Firenze e con Roma. Forse c’è, in qualcuno dei programmi che si stanno preparando, qualcosa come un abbellimento della città, che so?, con la riattivazione, Fonte e strada, di Fontemaggio? C’è un capitolo progettuale dedicato alle Fonti di Mojano o a quelle di Piazza Nuova? Un progetto per Santureggio? Un codicillo per ricreare il laghetto del Pincio? Una indicazione per portare il Forum con qualche evento al Chiascio, unico, superstite fiume della città? Un restyling rifinito delle fontanelle otto novecentesche della città? Un qualcosa che porti alle sorgenti del Tescio stesso, almeno alle sue polle d’acqua che sempre meno, di anno in anno, riescono ad aprirsi un varco verso la Valle? Magari, alla spicciolata, nei prossimi anni della nuova consigliatura, meglio se verso la sua conclusione, si potrà annunciare di avere fatto qualcosa di tutto ciò in queste direzioni.

Acqua in bocca!
Ma, per adesso, qualunque intervento sulla cultura dell’acqua, ad  Assisi e di Assisi, posto che ci sia, rimane svincolato dal Forum mondiale sull’acqua che si terrà nel 2024.
L’amministrazione comunale, perlomeno, non ne parla. E dall’opposizione non vengono segnali di alternativa visione delle cose.
La sete di sapere è soddisfatta con l’acqua in bocca di un troppo beffardo quieto vivere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*