Il tunnel di Assisi fa discutere, botta e risposta tra Mario e Antonello

 
Chiama o scrivi in redazione


Il tunnel di Assisi fa discutere, botta e risposta tra Mario e Antonello

Il tunnel di Assisi fa discutere, botta e risposta tra Mario e Antonello

di Mario Bellini
Caro Antonello comprendo le tue preoccupazioni ma permettimi di dirti che sono del tutto infondate e ti spiego il perché. Per prima cosa l’eventuale parcheggio che si verrebbe a creare nella parte nord di accesso al tunnel potrà ospitare solamente poche decine di macchine forse un centinaio (questo solo quando gli altri sono completi).

L’affluenza maggiore al tunnel si avrà senz’altro dalla parte del centro storico dove i turisti saranno stimolati a salire alla Rocca tramite l’ascensore interno al tunnel, per poi ridiscendere per la via naturale che è quella che porta alla cattedrale di San Rufino. Qui si troveranno difronte all’asse stradale S.Rufino-Santa Chiara che prediligeranno rispetto a quello che conduce al centro in quanto è da li che provengono.

Pertanto un gran numero di persone scenderà da via Sermei e da lì con dovute indicazioni nonché iniziative potrà dirigersi verso via Borgo Aretino e/o piazza Santa chiara.

Voglio solo aggiungere che questa soluzione sicuramente ci farebbe fare un salto di qualità sotto il profilo culturale, economico e urbanistico. Si aggiungerà al turismo religioso quello interessato all’arte e alla cultura in genere con la possibilità di nuove prospettive per i giovani soprattutto. Sarebbe interessante comunque aprire un dibattito pubblico con l’Amministrazione e con esperti del settore. Un saluto.

3 Commenti

  1. Assisi è bella così, chi viene spera di trovare qualcosa di diverso da tutte le altre realtà. Quindi perchè uniformarsi?

  2. Caro Mario rispondo al tuo cordiale commento…sicuramente tutti e due abbiamo come scopo finale di migliorare la nostra città e la nostra vita sociale nel centro storico.
    Il contraddittorio è utilissimo per capire meglio tutti i pro e contro di un progetto innovativo e per questo quando si parla in maniera educata e costruttiva si trovano sempre le soluzioni migliori.
    Per quanto riguarda un ipotetico progetto di tunnel dietro alla Rocca Maggiore ti esprimo le mie idee al riguardo.
    Io non sono contro questo ipotetico progetto, dove cmq ne io ne tu possiamo decidere se farlo o no, ma abbiamo aperto cmq un dibattito costruttivo per valutare meglio i pro ed i contro….non sono contro questo eventuale progetto se vi sono certe condizioni…
    Se questo progetto fosse finanziato completamente dall Unione Europea direi subito di sì.
    Se invece questo progetto fosse solo finanziato solo in piccola parte dall’ Unione Europea o addirittura pagasse solo il comune di Assisi allora se dipendesse da me direi assolutamente no e questo proprio perché sarebbe un opera faraonica che costerebbe milioni di euro e come hai appena detto tu servirebbe solo per poche decine di auto massimo cento e solo nei periodi di pienone.
    Io SONO per l’innovazione, ma se tu mi spendi tutti questi soldi allora ci sono cose migliori da fare, ad esempio si potrebbe costruire una “passerella interna le mura di cinta, fatta in plexglass o vetro dove si cammina sul bordo interno in tutta sicurezza… da dove si domina una vista mozzafiato e dove in 30/40 minuti puoi fare tutto il giro di Assisi camminando quasi sopra le mura… intervallato da qualche pausa dove si scende e poi si risale perché chiaramente Assisi ha dei punti dove le mura non ci sono, ma pensa che bello e quante persone in più verrebbero per fare “il circuito”… ma non è una mia idea esiste già in altre città medioevali ed ha molto successo….allora si dico si!
    Oppure ritorniamo a dire che questi soldi possono essere spesi per rifare la piscina con tutto il complesso sportivo rimodernato…insomma non sono contro ma se non si fa con i fondi dell’Unione Europea allora su…. capisci anche tu che questi soldi possono essere spesi meglio no?
    Cmq ripeto che da questo contraddittorio possono nascere anche altre idee per migliorare Assisi e ripeto anche che quando si spendono cifre notevoli e si fanno progetti inusuali sarebbe giusto consultare i cittadini con un referendum…dopodiché nessuno può lamentarsi giusto?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*