Coronavirus, sospesi gare e gli allenamenti individuali ed altro ad Assisi

 
Chiama o scrivi in redazione


Covid19: due bandi per combattere il disagio economico e il divario digitale

Coronavirus, sospesi gare e gli allenamenti individuali ed altro ad Assisi

Una circolare di ieri sera del Ministero dell’Interno ha diramato una serie di precisazioni in merito alle misure per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19, imponendo ulteriori limiti all’attività sportiva previsti dal Dpcm del 24 ottobre scorso.

Sono sospese tutte le gare e le competizioni, anche ludico-amatoriali,  nell’ambito degli sport di contatto, individuali e di squadra nonché tutte le altre attività connesse, quindi espressamente sono vietati gli allenamenti svolti in forma individuale degli sport di contatto.

Per quanto concerne questi ultimi, il Ministero dello Sport ha individuato quelli che possono essere svolti esclusivamente in maniera individuale, escludendo tra le altre discipline quali calcio, pallavolo, basket e karate.

Restano consentite soltanto le manifestazioni al chiuso o all’aperto riconosciute di interesse nazionale nei settori professionisti e dilettantistici senza la presenza di pubblico; i relativi allenamenti devono svolgersi nel rispetto dei protocolli sanitari e di quelli emessi dalle rispettive Federazioni.

La circolare del Viminale chiarisce che la sospensione dei centri culturali, sociali e ricreativi determina anche la conseguente sospensione dell’eventuale somministrazione di cibi e bevande effettuate a beneficio dei soci e dei frequentatori abituali in funzione dell’attività svolta nei suddetti centri.

È fatta salva la possibilità per i circoli e le associazioni sportive di consentire lo svolgimento dell’attività motoria di base all’aperto in forma individuale non di contatto, conformemente alle indicazioni e prescrizioni individuate a livello nazionale.

Le attività organizzate da Asd/Ssd in orario extrascolastico nelle palestre scolastiche sono assimilate a quelle svolte in qualunque altra palestra e rientrano pertanto nella disposizione di sospensione prevista dall’ultimo Dpcm.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*