Polizia locale Assisi, il bilancio, aumentate le violazioni ambientali

Polizia locale Assisi, il bilancio, aumentate le violazioni ambientali

Nel corso delle celebrazioni in onore di San Sebastiano, patrono della polizia locale, che si sono tenute oggi pomeriggio nella Sala del Consiglio Comunale, è stato presentato il bilancio dell’attività svolta nel 2019.

La cerimonia è iniziata con la relazione del comandante Antonio Gentili che ha illustrato le varie voci del lavoro eseguito dai vigili urbani ad Assisi e nelle venti frazioni.

Il controllo del territorio si è estrinsecato in servizi di pattugliamento dalle 7 alle 24 tutti i giorni con 1.274 pattuglie, 711 servizi fissi appiedati, 1.124 servizi di vigilanza della viabilità nei pressi degli istituti scolastici, 102 controlli elettronici della velocità e 64 dell’assicurazione e della revisione.

Per quanto riguarda la polizia stradale, oltre la gestione di quasi 20mila autobus turistici, 26.500 sono stati i veicoli controllati con dispositivi elettronici finalizzati alla verifica della copertura assicurativa e al rispetto della regolarità della revisione.

Grazie a questi controlli sono state elevate 6.891 sanzioni per violazioni al codice della strada, 662 per violazione del limite di velocità, 252 per omessa revisione o carenza di assicurazione, 125 per superamento striscia continua, 23 per utilizzo telefono cellulare, 21 per veicoli rumorosi.

Centotrentotto (138) sono stati i sinistri rilevati dalla polizia locale, di cui 39 con feriti. Come sanzioni accessorie sono stati effettuati 20 sequestri amministrativi, 17 le patenti ritirate, 20 le carte di circolazione ritirate, 2.567 i punti decurtati dalle patenti, 21 le rimozioni forzate. A livello di contenzioso 40 sono stati i ricorsi al giudice di pace e 174 i ricorsi amministrativi.

L’attività della polizia locale nel corso dell’anno appena passato si è indirizzata anche verso l’educazione stradale a 200 alunni delle scuole materne, elementari e superiori.

Nell’ambito della polizia amministrativa, il bilancio è stato di 523 sanzioni per violazioni diverse dal codice della strada, di cui 358 (l’anno precedente erano state 282) per violazioni ambientali (abbandono di rifiuti o violazioni delle norme sulla raccolta) e 42 per violazioni al regolamento di polizia urbana.

Quindici (15) sono state le violazioni accertate per inosservanza della normativa turistica regionale in merito alle attività ricettive/locazioni, 16 invece le violazioni della normativa sul commercio itinerante e 7 quella sull’inquinamento acustico.

Per quanto riguarda la polizia giudiziaria e l’infortunistica stradale, la polizia locale di Assisi ha inviato 65 comunicazioni di reato alla Procura della Repubblica, di cui 27 per abusi edilizi e 7 per abbandono di rifiuti. Trentadue (32) invece le indagini delegate dalla Procura.

A proposito della sicurezza pubblica, diciannove (19) sono stati gli ordini di allontanamento (in applicazione del cosiddetto Daspo urbano) per 48 ore nei confronti di parcheggiatori abusivi, soggetti che occupavano spazi pubblici o che esercitavano abusivamente il commercio itinerante.

Dal 24 ottobre 20199 inoltre il Comune ha approvato il progetto per il controllo del vicinato a seguito del protocollo stipulato con la Prefettura di Perugia per promuovere sistemi di sicurezza integrata e partecipata mediante innovativi modelli organizzativi che prevedono la partecipazione dei cittadini con compiti di osservazione e segnalazione. Infine è stato implementato il sistema di videosorveglianza urbana con ulteriori videocamere per un numero complessivo che ha raggiunto le 97 unità (più le altre che sono in corso di installazione).

Alla voce attività amministrativa, il resoconto parla di 251 ordinanze di circolazione stradale, 10 pratiche relative a trattamenti sanitari obbligatori, 1.117 accertamenti anagrafici , 352 segnalazioni a enti esterni e uffici interni, 270 concessioni di suolo pubblico e 119 fascicoli per oggetti smarriti.

Come sempre, la polizia locale di Assisi ha effettuato anche assistenza alle manifestazioni e ruoli di rappresentanza (per esempio il 29 marzo la consegna della lampada della pace), a 195 piccole e medie iniziative, a 105 processioni e a 41 eventi con il gonfalone della città.

____________________________________________

“L’attività della polizia locale sul territorio di Assisi – ha affermato il comandante Antonio Gentili – è molto impegnativa per l’importanza che riscuote nel mondo e l’attrattività di visitatori che ogni anno richiama. L’aspetto più evidente è l’incremento dei servizi di polizia stradale, finalizzati alla sicurezza quali i controlli sul rispetto dei limiti di velocità e sulla copertura assicurativa dei veicoli circolanti, oltre ovviamente alla sicurezza pubblica con particolare attenzione alla sorveglianza di un territorio molto esteso e con un organico di appena 25 unità”.

Il sindaco Stefania Proietti ha voluto ringraziare gli uomini e le donne in divisa che con il loro impegno quotidiano lungo le strade e nelle piazze rappresentano l’immagine di Assisi: “il lavoro della polizia locale in una città straordinaria e speciale come Assisi deve districarsi tra la sicurezza dei cittadini quindi il controllo di un territorio di particolare rilevanza e molto vasto e la rappresentanza a numerosi eventi di spessore nazionale e internazionale che ogni anno vengono organizzati o ospitati nella nostra città. Infatti l’attività dei nostri vigili è sì rivolta ai cittadini residenti ma deve tenere conto anche dei 5/6 milioni di turisti che in un anno frequentano Assisi. E’ da sottolineare anche l’intenso impegno nei controlli di tipo ambientale sia a scopo repressivo per accertare le infrazioni e quindi irrogare le sanzioni ma anche a livello preventivo per evitare che si perpetuino violazioni delle normative che tutelano l’ambiente”.

Il vice sindaco Valter Stoppini, che la delega alla viabilità, ha ringraziato calorosamente il corpo della polizia municipale “per l’eccezionale lavoro che quotidianamente compie nella nostra comunità. Lavoro che richiederebbe il doppio dell’organico, infatti abbiamo già bandito il concorso per altre 5 unità”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*