Giornata mondiale del malato, la vicinanza del sindaco

 
Chiama o scrivi in redazione


Giornata mondiale del malato, la vicinanza del sindaco

Giornata mondiale del malato, la vicinanza del sindaco

Oggi ricorre la XXX Giornata mondiale del malato e il sindaco di Assisi Stefania Proietti intende rivolgere un pensiero affettuoso a tutti coloro che soffrono e ai loro familiari.


Fonte: Ufficio stampa
Comune di Assisi


“Sento il desiderio di rivolgere un messaggio di vicinanza a tutte le persone che combattono contro ogni forma di malattia invitandole a sopportare con pazienza questo stato di debolezza e fragilità e a conservare intatta la speranza di un miglioramento e di una guarigione.

Questo messaggio lo mandiamo da Assisi, che è stata nel 2016 la prima Città del Sollievo in Umbria, per l’impegno concreto finalizzato ad alleviare la sofferenza nel senso più ampio della parola a quanti sono nella malattia e in difficoltà. Siamo ancora coinvolti da un’emergenza dovuta alla pandemia che da quasi due anni ci ha stravolto la vita e mostrato la vulnerabilità di esseri umani.

Come amministrazione ci siamo sforzati, e tuttora lo stiamo facendo, di prenderci cura della nostra comunità, della nostra gente, di essere vicini ai nostri cittadini e alle nostre cittadine che sono stati colpiti dal virus, contattandoli quotidianamente e mettendo in campo una serie di misure per fronteggiare i bisogni primari. Abbiamo impiegato risorse per i buoni spesa e la riduzione della TARI, per aiutare le famiglie nella cura dei più fragili. Ci siamo impegnati con fondi comunali per gli anziani e le persone disabili, per ottenere dal governo ristori da destinare alle attività produttive danneggiate dalla chiusura o dalla diminuzione delle entrate, ed ora ci stiamo impegnando contro il caro bollette che si abbatterà su famiglie e imprese oltre che sul bilancio comunale. Da due anni abbiamo coordinato una rete di volontari al servizio della collettività.

A tal proposito voglio ringraziare a nome personale e a nome dell’amministrazione tutte le associazioni e i gruppi di volontari del territorio che con abnegazione, passione e disponibilità ci aiutano in questa opera di assistenza alla comunità.

Ma in questa giornata particolare vogliamo ricordare anche il nostro impegno in difesa dell’ospedale di Assisi, la nostra attività contro il depotenziamento della struttura, le nostre osservazioni per un Piano sanitario regionale più giusto. Continueremo su questa strada, certi di interpretare e intercettare la volontà della nostra gente, per riaffermare con forza il diritto alla salute, il diritto a un ospedale che sia messo nelle condizioni di garantire una buona sanità a tutti. E lavoreremo insieme al Comitato pro ospedale costituito proprio per stare a fianco dell’amministrazione comunale in questa battaglia contro l’impoverimento dell’offerta sanitaria nel territorio”.

1 Commento

  1. Sono inclusi tra i malati a cui viene offerta vicinanza anche coloro che hanno avuto reazioni avverse dal vaccino?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*