Spara e uccide un cane, l’animale si è trascinato per un po’ e poi è morto

rischia la reclusione fino a due anni per il reato di uccisione di animali

 
Chiama o scrivi in redazione


Prende a martellate la madre, fermato il figlio sessantenne di Tordandrea

Spara e uccide un cane, l’animale si è trascinato per un po’ e poi è morto

Il cane è il miglior amico dell’uomo. Evidentemente non è stato dello stesso parere l’uomo di 62 anni che nel pomeriggio di sabato 9 febbraio 2019 a Santa Maria degli Angeli, in via Saragat, ha sparato con una carabina ad aria compressa, ad un piccolo meticcio che stava tranquillamente passeggiando per strada. Oral’uomo rischia la reclusione fino a due anni per il reato di uccisione di animali. Dalla ricostruzione degli eventi effettuata dai Carabinieri della Compagnia di Assisi l’uomo, dal cancello della propria abitazione, ha volontariamente sparato al piccolo cane, che al momento transitava in strada, per poi rientrare tranquillamente in casa, dai proprietari, come accadeva ogni giorno.

Dolorante e ferito, il piccolo animale ha percorso qualche decina di metri , guaendo disperato, per poi accasciarsi e morire in strada, ai piedi di due passanti che hanno inutilmente tentato di soccorrerlo.

Ai proprietari di “Chicco” non è rimasto altro che trasportarlo pietosamente a casa.

Droga, due albanesi ai domiciliari per spaccio di cocaina, arresto dei Carabinieri
Maggiore Marco Vetrulli

Allertati della situazione i Carabinieri sono prontamente intervenuti ed in pochi minutihanno individuato l’autore del gesto, abitante a poca distanza dal luogo dove è stato ritrovato l’animale. L’immediata perquisizione domiciliare ha permesso anche di ritrovare l’arma utilizzata per sparare all’animale: una carabina ad aria compressa di libera vendita e detenzione, munita di ottica di precisione.

Il gesto inconsulto commesso, avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi. Difatti il luogo dove si è svolto il fatto è giornalmente frequentato da persone che portano a spasso i propri figli, con le immaginabili conseguenze per quello che sarebbe potuto accadere qualora il piombino che ha ucciso il cane, avesse invece colpito qualche passante.

Il corpo del povero animalesi trova adesso presso gli uffici dell’E.N.P.A. per gli ulteriori accertamenti autoptici. [Carabinieri]

8 Commenti

  1. Perché ??? Si tratta solo di un demente o di un delinquente ?
    Credo che due anni di reclusione siano veramente pochi ma, purtroppo, non credo che alla fine la giustizia farà il suo corso.
    E viviamo nella terra di San Francesco…….vergogna!!!!

  2. Ogni commento è superfluo….Ma perchè non pubblicate le generalità di chi commette queste azioni??????? Sarà poi la natura….a fare il suo corso….

  3. Che orrore questa notizia non ci sono parole per tanta crudeltà uccidere un piccolo cagnolino indifeso volutamente bisogna che in carcere ci resta per bel po’

  4. 62 anni??? Maledetto ignorante d’un troglodita! La vita non ti ha insegnato nulla….quindi, per la vita sei un rifiuto!

  5. Ma perche’ rischia? Dovrebbe essere una certezza. Non ci dovrebbe essere nessun dubbio.
    Questo e’ perche’ noi umani crediamo di essere piu’ importante degli animali.
    La nostra ignoranza sara’ la nostra fine.
    Una vita e’ una vita. Nessuno ha il diritto ucciderla. NESSUNO!

  6. Non ci sono parole per un gesto così barbaro ed inutile per un povero animale che andava tranquillamente a spasso vicino alla abitazione dei padroni. Sperando che gli diano due anni ma purtroppo non di galera se non ha precedenti ma diteci chi è questo grande cacciatore che se la prende con piccolo cane che passeggia. Io penso che abbia bisogno di una visita approfondita presso il CIM di Bastia Umbra specializzato in questi casi a meno che non sia un cacciatore vero allora tutto cambia in peggio. Se un soggetto così spara su una via ove transitano persone e bambini penso che sia il caso di sequestrare tutte le armi in possesso perché sicuramente spara sempre contro uccellini ed altri animali che transitano vicino alla sua abitazione la mente è impostata malamente così.

  7. Non ci sono parole atte a commentare la barbarie di questo rifiuto umano. ..che è indegno di vivere…specie nella terra di San Francesco. …che sia stramaledetto….Spero solo che qualcuno trovi il modo di fargliela pagare. Perché se contiamo sulla giustizia degli uomini…Allora campera’ indinterrato….Se qualcuno lo conosce farebbe bene a rendere pubblico il suo nome….

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*