Caro Fabrizio ti racconto un’attesa, 2 dicembre premiazione concorso letterario

I vincitori saranno premiati dalle ore 16.30 presso il Teatro ARPINO, in Via Bussoleno, 50 a Collegno (TO)

 
Chiama o scrivi in redazione


Caro Fabrizio ti racconto un'attesa, 2 dicembre premiazione concorso letterario

Caro Fabrizio ti racconto un’attesa, 2 dicembre premiazione concorso letterario

ASSISI – Saranno svelati sabato 2 dicembre i mille volti dell’attesa protagonisti di questa terza edizione del Premio Letterario Nazionale indetto dall’ “Associazione Cercando Fabrizio E…”. Un’edizione che ha visto triplicare i partecipanti, in particolare nella sezione giovani dove sono stati coinvolti anche i più piccoli con racconti scritti e illustrati. Si conferma un’ampia partecipazione delle scuole, torinesi in particolare. Uomini e donne, ragazzi e ragazze, bambini e bambine hanno raccontato le loro attese più intime, in dialogo con Fabrizio, il protagonista della grande attesa della sua famiglia e dei suoi amici. Fabrizio Catalano, di Collegno, aveva diciannove anni al momento della scomparsa.

© Protetto da Copyright DMCA

Se ne sono perse le tracce il 21 luglio 2005 ad Assisi dove frequentava il secondo anno di musicoterapia. A lui è dedicato il Premio Letterario promosso dall’ “Associazione Cercando Fabrizio E…” che negli anni ha coinvolto centinaia di persone, tessendo un’attesa di speranza capace di tramutare il ricordo in vita, i sospiri in dialogo. I vincitori saranno premiati dalle ore 16.30 presso il Teatro ARPINO, in Via Bussoleno, 50 a Collegno (TO).

Sarà un pomeriggio di festa in cui saranno letti alcuni brani tratti dai racconti dei finalisti, saranno proiettate le immagini dei racconti illustrati con i colori dell’attesa, un brindisi di auguri per i 32 anni di Fabrizio, il lancio della quarta edizione 2018 del Premio Letterario e …tanto altro. “Questa è stata un’edizione particolare – racconta Caterina Migliazza, mamma di Fabrizio – il tema dell’attesa ha toccato corde profonde, regalandoci racconti intimi, faticosi e commuoventi a cui siamo felici di aver dato voce”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*