Delibera della polemica e attacco di Fratelli d’Italia, Assisi non è il far web

Delibera della polemica e attacco di Fratelli d'Italia, Assisi non è il far web

da Serena Morosi (Portavoce Fratelli d’Italia Assisi)
Delibera della polemica e attacco di Fratelli d’Italia, Assisi non è il far web – Modus operandi grave e inaccettabile: Amministratori che oltre a non valorizzare le proprie risorse, addirittura lasciano intendere ancora una volta che la responsabilità di inadeguatezza, inadempienze o dilettantismo sia da attribuire al Personale. Molte volte in Consiglio Comunale si è posto l’accento, da parte di chi amministra, sull’incapacità degli Uffici, ora addirittura, con fare poco smart, impostando la modalità 2.0, l’Assessore Pettirossi affida alla piattaforma social Facebook un interrogativo: “Secondo voi i verbali e le pubblicazioni delle sedute li fanno il Sindaco e gli Assessori?”.

Leggi anche: Incompatibilità e dilettantismo in Amministrazione, la Denuncia di Fratelli d’Italia

Così i dipendenti finiscono indirettamente sul patibolo del social.

FDI risponde a Pettirossi (che avrebbe di certo fatto più bella figura ammettendo la distrazione)  e, onde evitare che con questo interrogativo fuorviante i Cittadini tirino somme affrettate, va alla fonte e cita lo Statuto Comunale:

  • Capo II art. 35 co. 5. Il verbale dell’adunanza è redatto dal Segretario Generale. Il Segretario vigila sulla corretta stesura del verbale che sottoscrive insieme al Sindaco o a chi abbia presieduto in sua vece.
  • Capo III art. 37 co 1. Il Sindaco ha la rappresentanza generale del Comune ed in particolare: a) è l’organo responsabile dell’Amministrazione del Comune.

Da non dimenticare, poi, che l’Assessore, pur non avendo funzioni sul verbale, appone la firma per attestare la paternità della Determinazione che propone alla Giunta Municipale.

Quindi il Caro Pettirossi prima di puntare il dito dovrebbe – come insegna il saggio – pensare che tre dita sono rivolte proprio verso Sindaco, Segretario Generale e Assessore competente, nella fattispecie se stesso, che, in ultimo, si sarebbe appunto potuto (dovuto?) accorgere che l’atto riportava la presenza di un Assessore (Claudia Maria Travicelli) che non era più tale!

O dobbiamo a ragione pensare che Sindaco, Segretario Generale e Assessori firmino Atti senza leggerne il contenuto?!

Leggi anche: Delibera 153 settembre 2017 Travicelli infuriata non ero già più assessore

E comunque, FDI ha sollevato due fatti, il più grave è senza dubbio quello dell’incompatibilità! Se consideriamo inoltre che il “refuso” risale a Settembre, cosa dobbiamo aspettarci, oggi, da un Segretario Comunale – Dirigente ad interim ??? Di certo iper-oberato, quale cura potrà investire nella gestione degli Atti?!

Un ultima velocissima puntualizzazione “che ’l perder tempo a chi più sa più spiace”: considerato che l’errata corrige è stata deliberata solo qualche giorno fa, e che per oltre sei mesi dal falso nessun Amministratore si è accorto di niente, non escludiamo che la segnalazione sia arrivata al momento opportuno dall’”esterno”.

 

2 Commenti

  1. Considerazioni in libertà:
    Mi riallaccio ad un articolo precedente apparso su AssisiOggi.
    1- La Travicelli, secondo quanto riportato era curiosamente assessore anche dal 10 Agosto al 29 Settebre, giusto il tempo di firmare quella delibera dice lei.
    2-Ma la delibera con cui viene nominato assessore Italo Rota che data riporta? Se ha ragione la Travicelli (ed è un se, non una certezza) potrebbero profilarsi problemi tecnici e legali non da ridere.
    3-Il segretario Generale è stato nominato dalla Proietti, è bene ricordarlo.
    4-Cerchiamo di prendere qualcosa di buono da questa vicenda, visto che le delibere di Giunta (Sempre citando AssisiOggi) non sono ordinate e nominate in maniera adeguata, anche per sgomberare il campo da dubbi, non sarà il caso di mettersi di buzzo buono e rivedere tutto il sito?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*