📰 Rassegna stampa 📰 – Il litigio per il parcheggio finisce in ospedale, accade a Santa Maria

 
Chiama o scrivi in redazione


Il litigio per il parcheggio finisce in ospedale, accade a Santa Maria
Maggiore Marco Vetrulli

Il litigio per il parcheggio finisce in ospedale, accade a Santa Maria

È accaduto alla vigilia di Natale a due passi dalla Basilica di Santa Maria degli Angeli: 30 giorni di prognosi per un pugno in un occhio

Dopo Merkel e Juan Manuel Santos arriva il presidente Antonio TajaniS. MARIA DEGLI ANGELI – Vigilia di Natale movimentata nel centro cittadino con epilogo nella piazza principale della cittadina, a due passi dalla Basilica papale. Un uomo è stato colpito con un violento pugno a un occhio per futili motivi, sembra per una questione riguardante un parcheggio ed è dovuto ricorrere alle cure dei sanitari: per lui una prognosi di 30 giorni. Sull’episodio sono in corso le indagini dei carabinieri del Comando di Assisi, coordinati dal tenente colonnello Marco Vetrulli.
Un episodio fulmineo che si è verificato in mattinata e sul quale gli inquirenti mantengono il massimo riserbo. Secondo una prima ricostruzione ci sarebbe stato un diverbio per un parcheggio nella zona di piazza del Mercato, a ridosso del centro della cittadina, proprio dietro il palazzetto del Capitano del Perdono.
Protagonisti dell’episodio, secondo quanto è stato possibile accertare, due uomini residenti nel territorio, uno dei quali di origini straniere. La vicenda avrebbe poi avuto il suo culmine in piazza Garibaldi. Nel corso della lite un violento pugno ha raggiunto uno dei due a un occhio che ha cominciato a sanguinare.
Immediato è scattato l’allarme, sul posto sono giunti i carabinieri e anche l’ambulanza. L’uomo centrato all’occhio, vista la situazione, è stato trasportato in ospedale per gli accertamenti e per le cure del caso; i sanitari hanno stilato una prognosi di 30 giorni. I militari dell’Arma, dal canto loro, stanno raccogliendo tutti gli elementi utili per ricostruire l’ accaduto, reato ipotizzato: lesioni. Maurizio Baglioni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*