Concerto Corale in Basilica, la tradizione fondamenta del futuro

da Umberto Rinaldi
Concerto Corale in Basilica, la tradizione fondamenta del futuro Giovedì 29 novembre alle ore 21 in Basilica Inferiore di San Francesco si è tenuto un Concerto Corale in occasione dei 75 anni del Maestro Valentino Miserachs Grau, organista e direttore di Coro, Preside emerito del Pontificio Istituto di Musica Sacra in Roma e Direttore della Cappella Musicale Liberiana. L’illustre Maestro nato in Spagna ha affiancato nella giovinezza gli studi musicali a quelli telogici, filosofici ed umanistici.

Nel 1963 trasferitosi a Roma e proseguendo gli studi, ordinato sacerdote, sotto la guida di insegnanti che ormai appartengono alla Storia della Musica quali Armando Renzi, Domenico Bartolucci, Anna Maria Polcaro, Fernando Germani e divenuto Preside del Pontificio istituto di Musica Sacra nonché professore ordinario di Composizione e Direzione polifonica, ha pubblicato e fatto eseguire Oratori, poemi sinfonico-corali, musica liturgica per voci e orchestra in Italia e in tutto il mondo.

Gli sono state conferite le più ambite riconoscenze in Francia e in Spagna ed attualmente è Accademico Pontificio. E come sempre, quando si sono raggiunte le più alte vette in cultura e umanità, anche il Maestro Miserachs Grau è persona di semplicità francescana e sincerità d’animo!

Dunque, dopo altre esecuzioni in Città dell’Umbria, quale luogo più adatto per esprimere il religioso sentimento delle sue composizioni se non la Basilica Inferiore di San Francesco, accanto alla tomba del Serafico Padre… Coadiuvato dai Maestri suoi ex allievi Padre Maurizio Verde, il Coro della Basilica di Santa Maria degli Angeli, e Padre Matteo Ferraldeschi, il Coro dei Laudesi Umbri di Spoleto, all’organo il M° Angelo Silvio Rosati, sono state eseguite sue composizioni liturgiche e religiose, nelle quali armonia e melodia, mirabilmente fuse insieme, aperte alla scrittura moderna, offerte alla modernità, non ferme o circoscritte ad uno stile passato, per un’ora consecutiva hanno letteralmente rapito l’ascolto dei presenti. Uno scrosciante interminabile applauso ha concluso l’eccezionale concerto. Un grazie commosso che veniva dal cuore!

 

 

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*